More
    HomeSardegnaCagliari e HinterlandCagliari, salvare i ragazzi fa troppo rumore: operatori di strada identificati dai...

    Cagliari, salvare i ragazzi fa troppo rumore: operatori di strada identificati dai Carabinieri

    Pubblicato il

    - Pubblicità -

    Due skate e una palla per intrattenere i giovani: troppo rumore! Non si può fare.

    Questa volta ho portato due skate e una palla per allontanare dalle “abbuffate” di vodka e marijuana i giovanissimi che trascorrono il sabato sera in Piazza Sant’Eulalia, in gravi condizioni di alterazione psicofisica. Risultato: i fedeli e i residenti hanno ritenuto il rumore intollerabile (secondo il loro punto di vista), al punto da chiedere l’intervento dei Carabinieri. I ragazzini che finalmente stavano provando un’esperienza alternativa allo “sballo” scappano, noi rimaniamo e veniamo identificati.

    Ma il rumore, quello reale e assordante, manifestato dai tantissimi giovani che, dai dodici anni in su, passano il loro tempo in piazza, bevendo i super alcolici venduti dai commercianti della Marina e fumando la marijuana portata dagli spacciatori, non si sente abbastanza.

    Forse è per questo motivo che i fedeli, impegnati nella Messa, non ci aiutano? Come possono rimanere inginocchiati difronte a Dio, sapendo che a pochi metri di distanza ci sono pre-adolescenti e adolescenti in grave difficoltà? Non sono un teologo, ma ipotizzo che Dio apprezzerebbe tantissimo un loro intervento, anche nell’ipotesi che ritengano i giovani il nemico da abbattere ricorrendo alle forze dell’ordine: “Se il tuo nemico ha fame, dagli del pane da mangiare: se ha sete, dagli dell’acqua da bere” (Proverbi 25:21).

    E poi ci sono i residenti. Comprendo che anche per loro la vita alla Marina sia diventata un inferno e che, come i fedeli, desiderino una casa non infestata dai rumori dei giovani. Ma i ragazzini esistono, hanno importanti problemi sociali, familiari e individuali, che non possono essere gestiti con l’indifferenza. Perché il messaggio che è passato ieri sera è che se bevono e si drogano in silenzio, la situazione è tollerabile. Se però ci sono rumori, preciso che erano oggettivamente lievi, allora bisogna chiamare le forze di polizia. Mi chiedo allora, perché i residenti, alcuni sono educatori, operatori socio sanitari e genitori, non scendano in piazza, insieme a noi, per dare una mano ai giovani.

    Una prima risposta, forse non esaustiva, è che l’odio – ma se il termine può sembrare eccessivo parliamo di fastidio – sia diventato una parte molto importante del problema e quindi dell’emergenza sociale e sanitaria.

    I commercianti, quelli che non rispettano le regole, odiano i residenti perché segnalano costantemente la vendita di alcolici ai minorenni. I residenti disprezzano, oltre ai commercianti, soprattutto i politici del Comune di Cagliari perché da sempre latitanti rispetto al disagio giovanile. Ma, quando esagerano, detestano anche i ragazzini che portano il degrado nel quartiere. I fedeli, intanto, detestano i ragazzini che, a loro volta, odiano le forze di polizia. Comprensibilmente, immagino, Polizia e Carabinieri cominciano a non poterne più di ragazzini, residenti, fedeli e forse anche dei politici e degli operatori di strada.

    Insomma in questa cultura dell’odio in cui tutti, tranne i commercianti che non rispettano le regole, hanno le loro validissime ragioni perché concentrati solamente sulla cura del proprio interesse soggettivo, gli unici a provare amore sono i ragazzini. Sono infatti innamorati della socializzazione e poi dei commercianti che vendono alcool e degli spacciatori che portano la droga!

    Dopo sei mesi di frequentazione – dal mese di dicembre 2021 ogni sabato sera dalle 18.00 alle 20.00 operiamo nel quartiere La Marina – posso affermare che questi ragazzi non sono pericolosi, non aggrediscono gli adulti, ma sono fragili, disperati e bisognosi di attenzione. La nostra presenza – ascolto, interazione, dialogo – modula la loro aggressività (auto ed etero) e riduce i comportamenti a rischio.

    La piazza, pensiamo a quella dei paesi in cui gli anziani stanno insieme ai giovani, è socializzazione. E nel quartiere della Marina si dovrebbero creare le condizioni, seguendo la Carta di Piazza Yenne, per sconfiggere l’odio con la parola e il dialogo.

    Invece, due skate e una palla danno più fastidio dell’alcol e della droga.

    Luca Pisano


    OPERATORI DI STRADA ALLA MARINA – CHI SONO?

    Si tratta di un gruppo di psicologi, psicoterapeuti, pedagogisti, assistenti sociali, docenti e avvocati che lavora gratuitamente con la strategia della “riduzione del danno”. Costretti in più occasioni ad assistere ragazzi e ragazze che svengono per strada, hanno rifiutato l’esiguo contributo del Comune di Cagliari, aggiudicato tramite bando, di euro 11.000 perché insufficiente per porre rimedio al disagio giovanile, un’emergenza sociale e sanitaria che si manifesta anche (ma non solo) nel quartiere La Marina.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...

    San Gavino Monreale, ultimo appuntamento con il festival del Monreale

    Si conclude oggi il percorso della quarta edizione del Festival letterario del Monreale con due eventi...
    spot_img

    Leggi anche

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...