More
    HomeEconomiaIndustria, Silvio Lai: "Scelte immediate per evitare effetti devastanti in Sardegna"

    Industria, Silvio Lai: “Scelte immediate per evitare effetti devastanti in Sardegna”

    Pubblicato il

    - Pubblicità -

    “Per la Sardegna occorre subito un’attenzione speciale altrimenti la crisi energetica produrrà effetti devastanti su imprese, lavoro e occupazione nell’isola e nelle zone industriali in particolare”. Lo dichiara Silvio Lai, deputato del Pd che stamani ha partecipato ad un incontro a Portovesme promosso da Confindustria sull’industria energivora del Sulcis e del sud Sardegna.

    “Le peculiarità della Sardegna, anche dal punto di vista della collocazione geografica – spiega Lai – sono sotto gli occhi di tutti e le istituzioni regionali e nazionali non possono girarsi dall’altra parte. Servono decisioni immediate da assumere a Cagliari ma anche a Roma per intervento del Governo e del Parlamento. Già durante la conversione del decreto Aiuti quater e con la successiva legge di bilancio si possono, se ci sarà una volontà trasversale unanime, trovare soluzioni alle criticità. Non si chiede qualcosa in più rispetto all’industria energivora del resto d’Italia ma di mettere l’industria sarda nelle stesse condizioni a fronte di palesi disparità. Ed anche la Regione uscendo da un torpore cronico dovrà sostenere i parlamentari sardi nell’iniziativa emendativa che dovrà essere adottata con l’auspicio che vi sia unità d’intenti e non frazionismo deleterio. La Regione al contempo dovrà fare la sua parte mettendo a punto, finalmente, un adeguato piano energetico regionale, recuperare i ritardi accumulati su molte questioni ed evitare, come successo per l’ok improvvido al cavo di Terna, di fare scelte che non hanno avuto o non avranno alcun vantaggio per i nostri territori”.

    “Stamani a Portovesme – continua il deputato Dem – abbiamo toccato con mano cosa potrebbe accadere all’azienda leader mondiale nel commercio di materie prime non ferrose. Occorre dare stabilità all’impresa e non rincorrere continuamente emergenze che mettono in discussione la produzione e mettono a rischio decine di migliaia di posti di lavoro, tra diretto ed indotto che al più si trasformano in cassa integrazione. Le bollette sono drasticamente aumentate e il default è prossimo se non si interviene con sostegni e misure strutturali. C’è da farlo ora e i due provvedimenti economici in discussione in Parlamento entro la fine dell’anno sono l’occasione per ridare fiato a tutta l’industria sarda e garantire la dignità del lavoro a migliaia di cittadini”.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...

    San Gavino Monreale, ultimo appuntamento con il festival del Monreale

    Si conclude oggi il percorso della quarta edizione del Festival letterario del Monreale con due eventi...
    spot_img

    Leggi anche

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...