More
    HomeAgricolturaNuorese, la situazione idrica dopo una delle estati più calde di sempre

    Nuorese, la situazione idrica dopo una delle estati più calde di sempre

    Pubblicato il

    - Pubblicità -

    Inizio di settembre con una situazione di tranquillità idrica per i bacini della Sardegna, che nonostante una delle estati più calde di sempre che ha messo in difficoltà vaste zone d’Italia vocate all’agricoltura, hanno garantito l’approvvigionamento al sistema agricolo sardo.

    Il bacino del Maccheronis che garantisce l’irrigazione del distretto irriguo del Posada, segna infatti livelli superiori rispetto a quelli dell’anno scorso quando gli indicatori di stato per il monitoraggio dei bacini indicavano la presenza in bacino di 7,85 milioni di metri cubi d’acqua, mentre quest’anno siamo a 8,61 milioni di metri cubi: il bacino attualmente contiene risorsa idrica per il 37,71% della sua portata che è di oltre i 22 milioni di metri cubi.

    I consumi nell’ultimo mese di agosto sono stati di circa 23,3 milioni di metri cubi d’acqua, superiori di circa mezzo milione rispetto a quelli dello stesso mese del 2021 che si sono fermati a 22,9.

    Siamo in una situazione di tranquillità per quanto riguarda la disponibilità della risorsa – spiega Ambrogio Guiso, presidente del Consorzio di Bonifica della Sardegna centrale -. I recenti lavori che hanno permesso di invasare maggiori quantità d’acqua nella diga del Maccheronis, hanno garantito di affrontare una delle estati più calde grazie al riempimento del bacino la scorsa primavera. La garanzia della presenza di serbatoi di accumulo così importanti è il frutto del lavoro di anni in cui si è sofferto tantissimo. Questo dimostra l’importanza delle infrastrutture, della loro costante manutenzione assieme all’impegno per migliorare ancora di più l’efficientamento della risorsa. Per questo ora, con l’arrivo dell’autunno che dovrebbe portare piogge e nuovo invaso di acqua, possiamo dirci abbastanza tranquilli”.

    Anche l’invaso di Pedra e Othoni sul lago del Cedrino al momento con 7,23 milioni di metri cubi d’acqua è al 45% della sua capienza. Questo insieme a quello del Maccheronis fa parte del sistema di irrigazione della valle del Posada e del Cedrino e coprono due terzi dei 16.400 ettari serviti dall’irrigazione del Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...

    San Gavino Monreale, ultimo appuntamento con il festival del Monreale

    Si conclude oggi il percorso della quarta edizione del Festival letterario del Monreale con due eventi...
    spot_img

    Leggi anche

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...