More
    HomeCulturaQuartucciu, al via la terza edizione di Arrexinis

    Quartucciu, al via la terza edizione di Arrexinis

    Pubblicato il

    - Pubblicità -

    Primo appuntamento, questa seraQuartucciu, con Arrexinis, il programma di iniziative culturali e di spettacolo organizzato dal Comune (Assessorato alla Cultura) con l’apporto logistico della cooperativa Forma e Poesia nel Jazz e la collaborazione della Pro-loco nell’ambito di Quartucciu – La città madre: un insieme di manifestazioni che mira a valorizzare e far conoscere il patrimonio artistico, culturale e archeologico della cittadina dell’area metropolitana di Cagliari e del suo territorio.
     
    Sarà proprio uno dei siti di maggiore interesse, la Necropoli punico-romana di Pill’e Mata, a fare da cornice al concerto, con inizio alle 19, che inaugura la serie di quattro appuntamenti di Arrexinis(quest’anno alla sua terza edizione): protagonista uno dei jazzisti sardi più apprezzati nel panorama nazionale, il pianista Luca Mannutza, in quartetto con Paolo Recchia al sax, Daniele Sorrentino al contabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria. È lo stesso organico che anima i solchi di “Uneven Shorter” il nuovo disco di Mannutza in cui ha arrangiato e ricomposto la musica di uno dei più grandi jazzisti: Wayne Shorter. «Il proposito era essere fedele alle melodie ed alle armonie delle scritture originali dei brani, composti nel periodo tra il 1963 e il 1967, e sostenerle con una tessitura di accompagnamenti polimetrici che risultassero focalizzabili da diversi punti di vista, come in un’immagine escheriana, in una sovrapposizione continua di metriche (spesso dispari) che riemergono di volta in volta nelle strutture o nelle scelte creative dei solisti» spiega il pianista (classe 1968) originario proprio di Quartucciu: «Il focus del mio intero lavoro è stato il tentativo di rendere fruibile la musica nonostante la sua complessità, mantenendo inalterate le splendide melodie dei capolavori di colui che ritengo essere uno dei più grandi compositori di musica jazz di tutti i tempi».
     
    L’ingresso al concerto è libero e gratuito, ma è consigliata la prenotazione al numero 388 38 99 755In caso di maltempo, il concerto si terrà alla Domus Art, il centro culturale comunale in via Neghelli, a Quartucciu.
     
    Prossimo appuntamento con Arrexinis domenica 2 ottobre: in programma una densa mattinata alla Tomba dei Giganti in località Is Concias, aperta alle 9 da una passeggiata naturalistica condotta da Stefania Contini, seguita alle 11 dalle esibizioni del cantautore Alessio Arena e del Tenore San Gavino di Oniferi, e suggellata alle 13 da un degustazione di prodotti del territorio e aperitivo offerto da Cin Cin Cannonau.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...

    San Gavino Monreale, ultimo appuntamento con il festival del Monreale

    Si conclude oggi il percorso della quarta edizione del Festival letterario del Monreale con due eventi...
    spot_img

    Leggi anche

    Spopolamento, salgono a 225 milioni le risorse stanziate dalla Regione Sardegna

    Salgono complessivamente a 225 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione contro lo...

    Sassari, rubano champagne in un supermercato, arrestati dalla Polizia locale

    Gli agenti del nucleo sicurezza urbana del Comando di Polizia Locale sono intervenuti nel...

    Barumini, inaugurato l’Expo del turismo culturale in Sardegna: “I valori Unesco come volano di sviluppo territoriale”

    I valori Unesco dei sti archeologici come volano per lo sviluppo del turismo culturale...