More
    HomePrimo pianoLe prime parole in conferenza stampa di Claudio Ranieri, presente anche il...

    Le prime parole in conferenza stampa di Claudio Ranieri, presente anche il DS Nereo Bonato

    Pubblicato il

    Claudio Ranieri ha incontrato i media nella sala stampa dell’Unipol Domus, accanto a lui il Direttore sportivo rossoblù Nereo Bonato che ha introdotto con queste parole il tecnico romano: 

    Auguro un buon anno a tutti, dopo la sconfitta di Palermo abbiamo anticipato di una settimana le valutazioni sul progetto sportivo e, viste le difficoltà nelle prestazioni e nella classifica, abbiamo fatto una profonda analisi per riprogettare la prosecuzione della stagione. Non ci sono mai stati dubbi su Claudio Ranieri, grazie al Presidente e al Mister è stato possibile trovare rapidamente l’accordo su tutti i fronti, capendo la voglia di Ranieri di ritornare qui, il suo amore per questa piazza e il conseguente entusiasmo nell’accettare la sfida”.

    Le emozioni:Sono entusiasta”, inizia così il tecnico. “Dentro di me ho provato un maremoto di emozioni tra i ricordi del passato. Egoisticamente in questi anni ho pensato che non fosse il caso di tornare dove avevo lasciato ricordi straordinari, poi però la parte egoistica l’ho messa da parte, ha prevalso la consapevolezza che il Cagliari mi ha fatto diventare grande, e quindi eccomi di nuovo qui. Arrivai in Serie C con mille dubbi a meno di 40 anni per poi fare una cavalcata inimmaginabile: ho portato dentro di me quei 3 anni in ogni squadra dove sono andato, mi ha aiutato soprattutto nei momenti difficili”.

    I vecchi ricordi: “Vi ricordate il girone d’andata in Serie A, nella stagione 1990-91? Partimmo a rilento, poi ci salvammo in anticipo. Mi hanno scritto in tanti, a cominciare da Nicola Riva, tutti mi hanno trasmesso la voglia di vivere di nuovo bei momenti insieme. È progressivamente crollato quel muro di paure di intaccare il ricordo. Sono grato al Presidente e ai tifosi, adesso questo entusiasmo dobbiamo trasformarlo in punti per il nostro cammino. L’unica ricetta che conosco è il lavoro, la sola che ho sempre utilizzato in tutte le mie esperienze nel calcio, non vedo l’ora di iniziare. Ai tifosi dico: dateci una mano, potremmo magari giocare male ma voi spingeteci, fischiate e contestate alla fine nel caso, mai durante la partita. I giocatori dovranno dare quell’entusiasmo che serve, voglio un Cagliari con giocatori che sentano questa maglia”.

    Sulla squadra: Voglio prima conoscere bene la squadra che ho a disposizione e poi ragioneremo sul mercato. Servono giocatori che vogliano stare qua, servono guerrieri e cercheremo dei guerrieri. Prima di tutto parleremo insieme al Direttore e poi capiremo cosa serve, senza sbagliare. Per carattere voglio sempre tutto e subito, senza preclusioni ma con realismo: non vedrete mai un Cagliari arrendevole, uno dei miei obiettivi è lavorare per il Cagliari del futuro e costruire insieme alla Società”.

    L’adattamento alla categoria:Il Cagliari mi è parso, da lontano, la classica squadra che ancora non si è ambientata nella categoria. Quando retrocedi diventi la squadra da battere, tutti ti aspettano e vogliono batterti. Prima di tutto devo capire se questi ragazzi hanno capito che sono in Serie B. Dobbiamo lottare ogni singolo centimetro, questo mi aspetto prima di tutto dai miei calciatori”.

    Sul modulo e le probabili scelte:Non ho nessun modulo di riferimento, in carriera ne ho usati parecchi e l’indicazione me la danno sempre i giocatori e le loro caratteristiche. Saranno loro a farmi capire, in base a ciò che chiederò. Parto con l’idea di giocare con i miei due attaccanti principali, sono poche le squadre che in Serie B hanno due bocche da fuoco così importanti, per me l’idea è quella di utilizzarli insieme, poi vedremo. Non mi sono mai fissato su un sistema di gioco, anzi la cosa importante è saper cambiare anche in corsa per sorprendere l’avversario”.

    La classifica e le ambizioni:La classifica è sempre veritiera, in tutte le categorie. La classifica dice quelli che sono i valori in quel momento, noi abbiamo due lepri in fuga e come obiettivo dobbiamo avere quello di riprenderle. Magari non lo centreremo, però bisogna andarci vicino, per questo chiederò ai miei di dare il massimo in ogni allenamento, l’unica ricetta per affrontare al meglio la partita è lavorare al meglio giorno dopo giorno”.

    Il primo allenamento e i messaggi: Sono una persona che non sa fingere, molto trasparente nelle emozioni e nei sentimenti. Non sono mai contento e pretendo sempre qualcosa in più, quando sarò arrabbiato mi si leggerà in faccia, idem quando sarò soddisfatto. Cosa dirò ai ragazzi al primo allenamento? Non mi preparo nulla, vedremo cosa verrà fuori”.

    Le ultime parole: Bisogna ripartire dalla situazione attuale, non dai ricordi. Ovunque sia andato l’ho fatto per costruire qualcosa, penso per esempio al Leicester dove vincemmo il titolo pochi mesi dopo una salvezza in extremis, o alle salvezze con Parma e Samp arrivando in corsa. Ai tifosi chiedo di starci vicino, non chiedete la luna ai ragazzi, sarò io a farlo nello spogliatoio, ma la gente ci deve sostenere per fare il massimo. Mi piace l’idea di poterci aprire al pubblico per qualche allenamento, o anche per alcune amichevoli infrasettimanali quando e dove sarà possibile. Sono pronto a lavorare coi ragazzi. È una sfida che mi ribolle dentro, che sento mia. Altrimenti non sarei tornato”. 

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Luvumbo eroe alla Domus

    Una prestazione finalmente convincente. Un punto che serve ad agganciare Verona e Sassuolo e...

    È più serio dare una notizia appena la si ha, oppure aspettare il permesso della Regione?

    All'indomani della vittoria di Alessandra Todde, che ha conquistato la poltrona da Presidente della...

    Alessandra Todde è il nuovo Presidente della Regione Sardegna

    È Alessandra Todde il nuovo Presidente della Regione Sardegna. Non c'è bisogno di attendere...

    Elezioni, Alessandra Todde in vantaggio: sarà lei la nuova Presidente della Regione?

    Nonostante lo scrutinio proceda a rilento, secondo i primi dati ufficiali forniti dalla Regione,...
    spot_img

    Leggi anche

    Luvumbo eroe alla Domus

    Una prestazione finalmente convincente. Un punto che serve ad agganciare Verona e Sassuolo e...

    È più serio dare una notizia appena la si ha, oppure aspettare il permesso della Regione?

    All'indomani della vittoria di Alessandra Todde, che ha conquistato la poltrona da Presidente della...

    Alessandra Todde è il nuovo Presidente della Regione Sardegna

    È Alessandra Todde il nuovo Presidente della Regione Sardegna. Non c'è bisogno di attendere...