More
    HomeNewsCarloforte, attivati nell’Ufficio Postale i servizi previsti dal progetto Polis

    Carloforte, attivati nell’Ufficio Postale i servizi previsti dal progetto Polis

    Pubblicato il

    Poste Italiane comunica che nell’ufficio postale di Carloforte è possibile
    accedere ai servizi previsti dal progetto “Polis”, l’iniziativa che punta a trasformare gli uffici postali nella casa dei servizi digitali.
    In particolare, si tratta dei primi tre “certificati” INPS che possono essere richiesti e ottenuti direttamente presso gli sportelli dell’ufficio postale: il cedolino della pensione, la certificazione unica e il modello “OBIS M”, che riassume i dati informativi relativi all’assegno pensionistico.
    Per richiedere e ottenere i servizi INPS, occorre semplicemente presentare all’operatore di sportello un documento di identità e il codice fiscale. Al termine dell’inserimento dei dati nel terminale, il cliente avrà in pochi minuti la copia stampa del servizio o dei servizi richiesti. 
    I cittadini dell’isola possono quindi contare su uno sportello unico che rende semplice e veloce l’accesso alla Pubblica Amministrazione.
    Oltre ai certificati pensionistici, sarà presto possibile ottenere anche certificati giudiziari, anagrafici e di stato civile, carta d’identità elettronica, passaporto, codice fiscale per i neonati e numerosi altri servizi che si aggiungono a quelli già offerti tradizionalmente dagli uffici postali.
    Tutti i servizi sopraelencati saranno estesi gradualmente anche a tutti gli uffici postali della Sardegna Meridionale al di sotto dei 15mila abitanti ed è prevista l’erogazione degli stessi anche in modalità digitale e automatica grazie all’installazione di totem operativi 7 giorni su 7 e 24 ore su 24.
    La finalità del progetto Polis è anche quella di garantire una maggiore efficienza energetica e una mobilità verde attraverso l’installazione, su scala nazionale, di 5mila colonnine di ricarica per i mezzi elettrici e di 1.000 impianti fotovoltaici.
    Poste Italiane, sempre a livello nazionale, sta infine realizzando il progetto “Spazi per l’Italia”, la più grande rete di co-working del Paese con la creazione di 250 siti smart, interconnessi, ricavati dalla valorizzazione di immobili di proprietà aziendale.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Cagliari, alla MEM il seminario di introduzione al calcolo quantico

    Lunedì 26 febbraio alle ore 17 presso la MEM si terrà il seminario tecnico “Introduzione...

    Elezioni Regionali: chi ha paura del voto disgiunto?

    Mancano pochi giorni alle Elezioni Regionali in Sardegna: domenica 25 febbraio si vota per...

    Cagliari, conferenza per le giornate Nazionali di archeologia

    "L'Archeologia nel genoma: il passato dentro di noi": si intitola così la conferenza che Paolo...

    CAGLIARI, A UDINE UNA BOCCATA D’ARIA FRESCA

    Un pareggio che fa morale e muove un po’ la classifica. Non pervenuto nel...
    spot_img

    Leggi anche

    Cagliari, alla MEM il seminario di introduzione al calcolo quantico

    Lunedì 26 febbraio alle ore 17 presso la MEM si terrà il seminario tecnico “Introduzione...

    Elezioni Regionali: chi ha paura del voto disgiunto?

    Mancano pochi giorni alle Elezioni Regionali in Sardegna: domenica 25 febbraio si vota per...

    Cagliari, conferenza per le giornate Nazionali di archeologia

    "L'Archeologia nel genoma: il passato dentro di noi": si intitola così la conferenza che Paolo...