More
    HomeEventiCollinas, il 6 gennaio rivivono gli antichi mestieri e il Presepe Vivente...

    Collinas, il 6 gennaio rivivono gli antichi mestieri e il Presepe Vivente in lingua sarda

    Pubblicato il

    spot_imgspot_img

    La Comunità di Collinas si appresta presentare al pubblico di visitatori il tradizionale Presepe Vivente in lingua Sarda nel mondo degli antichi mestieri. Evento conclusivo del calendario degli eventi di Collinas Paese di Presepi, promosso dall’Amministrazione Comunale insieme alla Pro Loco e numerosi volontari, che vede tra le altre iniziative l’allestimento di numerosi presepi rionali e di un presepe animato di circa 100 mq adiacente la chiesa Parrocchiale, la rappresentazione è un momento sinceramente sentito e partecipato dalla popolazione di cui in tanti, il giorno dell’Epifania, decidono di indossare gli abiti di un tempo e contribuire alla conoscenza della cultura popolare materiale del proprio paese.

    A partire dalle ore 10:00 del 6 gennaio, nelle strade del centro storico, prendono vita gli antichi mestieri, la bottega del fabbro, il falegname, la tessitrice, il bottaio, le donne intente alla preparazione di pane e dolci, la casa dei pastori, costruttori di launeddas… abbigliati come nei primi decenni del secolo scorso faranno rivivere le atmosfere di un paese rurale della Sardegna in cui Maria e Giuseppe si muovono in cerca di un riparo per la notte, raccontando in lingua sarda le vicende della natività trasposte in un passato a noi più prossimo.

    Raccontando fatti di duemila anni fa così trasposti, la Comunità di Collinas, racconta anche qualcosa di sé stessa e del proprio intimo legame con la valorizzazione della propria memoria storica e culturale che cita e reinterpreta per rendere più espliciti agli osservatori il bagaglio di valori vissuti quotidianamente che la animano e la motivano a conservarsi genuina e autentica.

    In un orizzonte temporale che sfuma nel tempo, i Magi che giungono da altri paesi a cavallo, vestiranno l’abito tradizionale mentre Erode gli accoglierà abbigliato come un viceré di ispirazione sabauda, a sottolineare la distanza tra cultura popolare e governo di interessi lontani, una citazione in omaggio al lavoro di G.B. Tuveri, intellettuale e politico nato e vissuto a Collinas, sino al 1863 Forru.

    Il calare della sera condurrà tutti i personaggi a rendere omaggio al piccolo Gesù bambino nato in una capanna, nella semplicità raccolta degli ultimi, ma omaggiato per il messaggio di fiducia e speranza di cui si farà portatore.

    Collinas, paese storico e capace di emozioni autentiche, vi aspetta.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Direzione Impresa Magazine, la promozione delle imprese meridionali e la scoperta delle opportunità economiche di Montréal

    La scorsa settimana è stata particolarmente importante per la promozione delle imprese e delle...

    Cagliari, il corso “Guida sicura” raggiunge il capoluogo sardo

    Ha fatto tappa oggi a Cagliari, nella Filiale provinciale di Poste Italiane in via...

    Iglesias, USIC incontra 290 neo Carabinieri

    Si è svolta il 18 giugno, a Iglesias, l’assemblea con i neo carabinieri. Alla...

    Neoneli, entra nel vivo l’ottava edizione di “Licanìas”

    Immersioni nella natura, incontri letterari, performance e concerti. Entra nel vivo, domani a Neoneli, l'ottava edizione di Licanìas,...
    spot_img

    Leggi anche

    Direzione Impresa Magazine, la promozione delle imprese meridionali e la scoperta delle opportunità economiche di Montréal

    La scorsa settimana è stata particolarmente importante per la promozione delle imprese e delle...

    Cagliari, il corso “Guida sicura” raggiunge il capoluogo sardo

    Ha fatto tappa oggi a Cagliari, nella Filiale provinciale di Poste Italiane in via...

    Iglesias, USIC incontra 290 neo Carabinieri

    Si è svolta il 18 giugno, a Iglesias, l’assemblea con i neo carabinieri. Alla...