More
    HomeEconomiaJust Transition Fund, 367 milioni di euro per le 9.500 imprese del...

    Just Transition Fund, 367 milioni di euro per le 9.500 imprese del Sulcis Iglesiente

    Pubblicato il

    367 milioni di euro a disposizione per le oltre 9.500 imprese del Sulcis Iglesiente, di cui 2mila artigiane. Dal Just Transition Fund la grande opportunità di ripresa del Sud Ovest della Sardegna. Lunedì 15 gennaio a Carbonia incontro aperto ad aziende e cittadini. Mereu, Orrù e Spada (Confartigianato Sud Sardegna): “I finanziamenti europei momento di svolta per un territorio sempre più in bilico tra rinascita e crisi”.

    Si parlerà dei 367 i milioni di euro che il Just Transition Fund-Piano Territoriale Sulcis Iglesiente ha messo a disposizione del mondo delle imprese del Sud Ovest della Sardegna nell’evento, pubblico e gratuito, aperto a imprenditori e cittadini, organizzato a Carbonia per lunedì 15 gennaio dalle 16 nella Grande Miniera di Serbariu (Sala Fabio Masala Piazza Sergio Usai presso Fabbrica del Cinema) da Confartigianato Imprese Sud Sardegna, Coldiretti e Confapi Sardegna, dal titolo “Just Transition Fund – Il Nuovo programma europeo e le opportunità per le imprese del Sulcis Iglesiente: quali progetti”?

    Il programma dell’iniziativa prevede, dopo i saluti istituzionali e l’introduzione ai lavori, l’illustrazione dello strumento JFT-Piano Territoriale Sulcis Iglesiente a cura del Centro Regionale di Programmazione, soggetto deputato a strutturare i bandi di accesso alle risorse. Successivamente verrà dato spazio al dibattito e al confronto con i cittadini e le imprese presenti all’incontro.

    La Commissione Europea, ha infatti individuato il Sulcis Iglesiente come area interessata dal programma europeo e quindi supportata dal ‘Fondo per la Transizione Giusta’, ovvero lo strumento finanziario che mira a fornire sostegno ai territori che devono far fronte a gravi sfide socio-economiche derivanti dalla transizione verso la neutralità climatica. In questo modo, il Sulcis, con una spendita delle risorse che dovrà essere conclusa entro il 2026, potrà contare in tempi relativamente brevi su una importante leva di sviluppo e riconversione che avvia quel processo di crescita di cui da anni si sente urgente bisogno, più incentrato sulle reali esigenze delle Comunità e in linea con gli obiettivi legati a uno sviluppo sostenibile.

    Il JTF si propone di stimolare la diversificazione economica nei settori della green economy, dell’agricoltura, del turismo e dell’economia marina del territorio e di promuovere innovazioni di processo, di prodotto, organizzative e di marketing; di sostenere progetti di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico a favore delle PMI; di ripristinare le aree contaminate e riabilitarle per consentire nuove attività economiche; di aiutare i lavoratori ad acquisire nuove competenze attraverso corsi di formazione, oltre a rafforzare il sostegno alle persone in cerca di lavoro e ai servizi dedicati alla creazione di nuove imprese; di facilitare la creazione di comunità di energia rinnovabile per ridurre la povertà energetica e sostenere processi di ottimizzazione e riduzione del consumo energetico delle PMI.

    Nell’area interessata, 23 comuni, si contano complessivamente 9.519 imprese, di cui circa 1.968 artigiane, il 20,7% della forza produttiva del territorio. Del totale delle attività fanno parte anche 2.500 realtà gestite da donne, nella quale operano 400 aziende artigiane.  A Carbonia ci sono 2.020 imprese di cui 486 artigiane (24.1%), a Iglesias 1.870 di cui 381 artigiane (20,4%), a Sant’Antioco 842 di cui 167 artigiane (19,8%). Il più alto indice di artigianalità lo si trova a Gonnesa con il 25,7% (80 artigiane su 311 attività produttive).

    L’auspicio è che si possa dar vita ad un presente di collaborazione attiva e di sforzi congiunti tra Istituzioni, imprese e cittadini – affermano Fabio Mereu, Norella Orrù e Pietro Paolo Spada, Presidente, Vicepresidente e Segretario di Confartigianato Sud Sardegnacon l’obiettivo di realizzare una transizione sostenibile che, vedendo impegnati in un lavoro sinergico settore pubblico e privato, tenga conto delle esigenze economiche, sociali e ambientali del territorio”. “I fondi del JTF – proseguono Mereu. Orrù e Spadasono uno strumento fondamentale per la diversificazione e la trasformazione del tessuto economico e sociale dell’intera area del Sulcis Iglesiente, sia ai fini del raggiungimento della neutralità climatica, sia in ottica della formazione e della riqualificazione delle risorse umane destinate a supportare il percorso di riconversione territoriale al quale è obbligatorio mirare”. “I 367 milioni di euro di finanziamenti europei devono diventare un momento di svolta per un territorio – concludono i rappresentanti di Confartigianato Sud Sardegnache da troppi anni si trova ad affrontare una profonda crisi economica e sociale, nata con la fine delle attività minerarie ed aggravatasi con le difficoltà del comparto industriale”.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Il team Tarantini si distingue ai Campionati italiani di Muay Thai

    Nella cornice del Palatorrino di Roma, si sono conclusi con grande successo i Campionati italiani di...

    Luvumbo eroe alla Domus

    Una prestazione finalmente convincente. Un punto che serve ad agganciare Verona e Sassuolo e...

    È più serio dare una notizia appena la si ha, oppure aspettare il permesso della Regione?

    All'indomani della vittoria di Alessandra Todde, che ha conquistato la poltrona da Presidente della...

    Alessandra Todde è il nuovo Presidente della Regione Sardegna

    È Alessandra Todde il nuovo Presidente della Regione Sardegna. Non c'è bisogno di attendere...
    spot_img

    Leggi anche

    Il team Tarantini si distingue ai Campionati italiani di Muay Thai

    Nella cornice del Palatorrino di Roma, si sono conclusi con grande successo i Campionati italiani di...

    Luvumbo eroe alla Domus

    Una prestazione finalmente convincente. Un punto che serve ad agganciare Verona e Sassuolo e...

    È più serio dare una notizia appena la si ha, oppure aspettare il permesso della Regione?

    All'indomani della vittoria di Alessandra Todde, che ha conquistato la poltrona da Presidente della...