More
    HomeNewsCagliari, pali intelligenti per una città sempre più smart

    Cagliari, pali intelligenti per una città sempre più smart

    Pubblicato il

    - Pubblicità -

    Una città più green, smart e sostenibile, questo l’obiettivo del progetto presentato dalla città di Cagliari a Smart City World Expo, la manifestazione internazionale tenutasi a Barcellona, che ha lo scopo di riunire le best practice in tema di soluzioni urbane intelligenti, per delineare un piano di sviluppo sostenibile e vivibile per il futuro delle città del nostro pianeta. Un obiettivo ambizioso ma realizzabile nella pratica, per una fiera che ha visto la partecipazione di oltre 800 espositori, 700 città e regioni provenienti da tutto il mondo, oltre 400 speaker e che ha registrato più di 20.000 visitatori.

    Ricchissimo e interessante il programma dei convegni, il tutto all’insegna delle parole d’ordine “condivisione e collaborazione”, per dirla con le parole del Presidente Ramon Rocha, “non una fiera dove si vende, ma dove si collabora per mettere a sistema le migliori idee e soluzioni”. “Cagliari smart city: integrazione della governance urbana con la mitigazione delle isole di calore urbano ”, questo il nome del progetto presentato dall’amministrazione cagliaritana, finanziato dal PON METRO 2014-2020 ASSE 6 – Azione CA6.1.1.b, e realizzato con la collaborazione di due partner tecnologici, Fastweb e Abinsula e il supporto scientifico dell’Università di Cagliari.

    Attraverso l’utilizzo di “pali intelligenti” dotati di sensori, già in via di installazione sul territorio urbano, verranno raccolti una serie di dati utili per la mobilità sostenibile, per la realizzazione di una città sicura e interconnessa, per l’erogazione di servizi di prossimità, per il controllo dei flussi turistici, per la rilevazione della qualità dell’aria e la presenza di agenti inquinanti e per il monitoraggio del microclima. Attraverso i sensori sarà infatti possibile studiare fenomeni quali le isole di calore, che hanno impatti estremamente significativi sulla salute, sul comfort urbano e in generale sulla qualità della vita. Il sistema sarà anche strumento per aumentare le aree coperte dalla connessione wi-fi e verranno inoltre installate telecamere di videosorveglianza per garantire una maggiore sicurezza per i cittadini. Cabina di regia sarà una “control room”, vero database e piattaforma di intervento a supporto della strategia degli interventi sulla città.

    “Il progetto che abbiamo presentato in questo giorni – ha affermato l’Assessore all’Innovazione tecnologica Alessandro Guarracino – rispecchia la volontà dell’amministrazione di utilizzare tecnologie e sistemi innovativi per risolvere tematiche fondamentali relative all’ambiente, alla sicurezza urbana, alla fruibilità della città, anche in un’ottica di turismo. I dati ricavati dal monitoraggio attuato dal sistema sono uno strumento strategico per realizzare una governance consapevole. Questi strumenti daranno anche la possibilità di fornire informazioni ai cittadini attraverso interfacce intuitive direttamente fruibili”.

    E veniamo all’ossatura del progetto, la rete di telecomunicazioni fornita da Fastweb, azienda partner tecnologico “naturale” per progetti di smart city, così come afferma Silvio Sacco, sales senior manager dell’azienda, che prosegue: “ abbiamo fornito l’infrastruttura di connettività e le risorse cloud per registrare i dati e ospitare la piattaforma software di monitoraggio. Inoltre, attraverso il partner Abinsula abbiamo fatto da system integrator per l’installazione dei sensori di raccolta dati”. Aggiunge a questo proposito Stefano Salaris, project manager Abinsula: “la nostra azienda ha fornito l’hardware per la sensoristica del rilevamento ambientale e la misurazione dei flussi di persone, abbiamo sviluppato la piattaforma software in collaborazione con la nostra controllata Widata per la rappresentazione dei dati e il controllo del sistema, integrando anche le informazioni provenienti dal sistema di videosorveglianza. I dati raccolti confluiranno nella control room allestita nella sede del Comune che gestirà le informazioni per una migliore e più efficiente gestione dei servizi”.

    Infine, il contributo dell’Università di Cagliari, che da anni collabora con il Comune nell’ambito di un Accordo Quadro, con l’obiettivo, tra gli altri, di produrre innovazione sociale anche attraverso la sperimentazione e l’impiego della nuove tecnologie. In questa cornice è stato sottoscritto un accordo attuativo tra il Servizio Smart City del Comune e il DICAAR della facoltà di Ingegneria, in particolare con il gruppo di ricerca coordinato dal prof. Mauro Coni con i docenti Giorgio Querzoli, Maria Grazia Badas, Chiara Garau, Francesca Maltinti,

    “Il gruppo di ricerca del DICAAR – afferma Chiara Garau professoressa associata di tecnica e pianificazione urbanistica, esperta in smart cities – fornirà supporto scientifico per l’utilizzo della sensoristica, la raccolta dei dati, il loro studio e lo sviluppo della reportistica. L’accessibilità di dati e statistiche deve infatti essere posta alla base dei progetti e delle politiche messe in campo per gestire e mitigare i problemi ambientali del microclima urbano e migliorare l’efficienza energetica di differenti ambiti urbani, strutture e infrastrutture. Nel contempo docenti e ricercatori, attraverso l’attività messa in campo con il Comune, vogliono sviluppare ricerca scientifica, conoscenza, innovazione, buone pratiche di amministrazione e aggiornare la didattica legandola alle attività pubbliche di gestione dei processi di miglioramento della qualità urbana, condotte dalla PA”.

    “L’importanza della partecipazione del Comune di Cagliari a questo evento- sottolinea il dirigente del Servizio Innovazione Tecnologica Riccardo Castrignano – è legata al fatto che lo Smart City World Expo è un’opportunità importante non solo per mostrare ciò che abbiamo fatto, ma anche per acquisire le esperienze degli altri, che si sono messi a disposizione per fornire informazioni utili su come affrontare tematiche comuni nell’ambito delle smart cities. Questo per noi è fondamentale. Il fare rete è uno schema fondamentale per portare questi progetti a compimento. Peraltro fare rete è la filosofia che guida e che ha sempre guidato il PON Metro e quindi tutte le azioni che sono previste nel nostro PON Metro Città di Cagliari, in particolar modo quelle legate al l’agenda digitale”

    Il progetto è in via di implementazione e si prevede di terminare l’installazione dei pali e il cablaggio nel marzo dell’anno prossimo.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    Sassari, polizia locale intensificherà i controlli sulla velocità

    La Polizia Locale intensificherà i controlli di velocità lungo le strade del territorio comunale. In particolare,...

    I piccoli influencer della salvaguardia del Pianeta. Impegno di 70 bambini di Cagliari per Giornata Mondiale del Suolo

    I piccoli influencer della salvaguardia del Pianeta. L’impegno di 70 bambini della scuola dell’infanzia...

    Cagliari, montascale per abbattere le barriere

    Poste Italiane, in occasione della 41esima Giornata Internazionale delle persone con disabilità del prossimo...

    Sassari, ancora pochi giorni per compilare il questionario

    C’è tempo fino al 12 dicembre per compilare il questionario online del censimento Istat...
    spot_img

    Leggi anche

    Sassari, polizia locale intensificherà i controlli sulla velocità

    La Polizia Locale intensificherà i controlli di velocità lungo le strade del territorio comunale. In particolare,...

    I piccoli influencer della salvaguardia del Pianeta. Impegno di 70 bambini di Cagliari per Giornata Mondiale del Suolo

    I piccoli influencer della salvaguardia del Pianeta. L’impegno di 70 bambini della scuola dell’infanzia...

    Cagliari, montascale per abbattere le barriere

    Poste Italiane, in occasione della 41esima Giornata Internazionale delle persone con disabilità del prossimo...