More
    HomeEventiArbus, tutto pronto per i falò di Sant'Antonio

    Arbus, tutto pronto per i falò di Sant’Antonio

    Pubblicato il

    L’Associazione Culturale FolKloristica Sant’Antonio di Arbus, presieduta da Luciano Lampis, ripropone e organizza, con il patrocinio del Comune di Arbus, tra le giornate del 16 e il 17 gennaio, la manifestazione “I Fuochi di Sant’Antonio”. Un grande falò, come da tradizione, verrà acceso nei pressi della via Pietro Leo in onore di Sant’Antonio Abate. Nell’ambito
    della manifestazione verrà impartita anche la benedizione agli animali ed ai falò.
    “Sant’Antoni ‘e su fogu” è un termine sardo che significa Sant’Antonio del fuoco ed identifica una festa sarda in onore di Sant’Antonio Abate che unisce devozione cristiana e riti pagani. Le origini di questa festa sono remote, ma la festa si trova documentata solo dalla metà del XIX secolo. Si svolge in molti paesi della Sardegna con aspetti e situazioni diverse
    collegate alla tradizione locale. Nella notte tra il 16 e il 17 gennaio, l’usanza vuole che si accendano dei grandi falò, di solito nel piazzale antistante la chiesa dedicata a Sant’Antonio, in quanto si dice che Sant’Antonio Abate sia custode del fuoco e guaritore della malattia
    chiamata “fuoco di Sant’Antonio”.
    “Abbiamo cominciato ad organizzare questa manifestazione nel 2006 – asserisce Luciano Lampis – dopo aver raccolto notizie a riguardo dagli anziani del paese. Tutti gli anni andiamo in montagna a procurarci la legna, ma in parte ci viene donata da persone devote al santo e rispettose delle tradizioni. “Nell’antichità – continua Lampis – all’ingresso delle fattorie i contadini appendevano le effigie di Sant’Antonio Abate in quanto protettore degli animali e custode del fuoco.” “Voglio ricordare – conclude il presidente dell’Associazione – che ogni anno gli allevatori ci hanno offerto la carne che noi abbiamo puntualmente cucinato e donato gratuitamente alle persone che assistono allo svolgersi della manifestazione vicino al falò. Il periodo è particolare dal punto di vista meteorologico, tuttavia noi ogni anno abbiamo portato avanti la manifestazione anche in condizioni avverse.

    spot_img
    spot_img

    Articoli recenti

    “Enotria: paesaggi e percorsi del vino”, al via le adesioni al progetto promosso dai GAL della Sardegna

    Una “fotografia futura” nella Sardegna del vino che viva attraverso sentieri e cantine di...

    “La Sardegna non è ancora uscita dalla crisi della pandemia” a dirlo Confartigianato Sardegna

    L’economia sarda non si è ancora lasciata alle spalle la crisi causata dalla pandemia....

    Sassari, solidarietà e affetto tra Casa Serena e il centro di preparazione alla famiglia sant’Agostino

    Durante il periodo della pandemia alcuni soci del Centro di preparazione alla famiglia di...

    Comunità energetiche, seminario regionale a Thiesi per discutere di innovazione green

    Si è svolto questa mattina a Thiesi, nella Sala Aligi Sassu, il Seminario Regionale...
    spot_img

    Leggi anche

    “Enotria: paesaggi e percorsi del vino”, al via le adesioni al progetto promosso dai GAL della Sardegna

    Una “fotografia futura” nella Sardegna del vino che viva attraverso sentieri e cantine di...

    “La Sardegna non è ancora uscita dalla crisi della pandemia” a dirlo Confartigianato Sardegna

    L’economia sarda non si è ancora lasciata alle spalle la crisi causata dalla pandemia....

    Sassari, solidarietà e affetto tra Casa Serena e il centro di preparazione alla famiglia sant’Agostino

    Durante il periodo della pandemia alcuni soci del Centro di preparazione alla famiglia di...